RELATO DE EXPERIÊNCIA NO SEMIÁRIDO PERNAMBUCANO: FEIRA DE “SABERES, SEMENTES E SABORES” NO MUNICÍPIO DE BREJINHO - BRASIL


De BAUTISTA Diana Carolina Gomez e SILVA, Valcilene Rodrigues 

Para contextualizar, o semiárido brasileiro apresenta-se como uma realidade dinâmica, complexa, sendo um verdadeiro mosaico principalmente pelas suas características físicas, marcado por seu déficit hídrico, pelas irregularidades das precipitações pluviométricas, pelas altas temperaturas e índices de evaporação (MALVEZZI, 2007). Neste contexto, a experiência da Feira de ‘Saberes, Sementes e Sabores’ no semiárido brasileiro nasce como uma estratégia sustentável como chave na construção do conhecimento agroecológico e na promoção da agroecologia em Brejinho, no intuito de inserir práticas integradoras desde o ponto de vista ambiental, político e social.

A referida feira acontece, anualmente, na comunidade de Vila de Fátima em Brejinho (Figura 01), município que conta com uma população estimada para 2016 de aproximadamente 7.464 habitantes (IBGE, 2016) e está constituída predominantemente por minifúndios.

Continua a ler...

IL FUTURO DEL PAESE DELLE AQUILE: I PRODOTTI DOP ED IGP 

3° Puntata: L’Albania meridionale

di Antonio Caso

Siamo giunti alla terza ed ultima puntata del nostro piccolo viaggio alla scoperta dei futuri Dop e Igp dell’Albania. Il sud del paese è prevalentemente montuoso nell'entroterra, ma comprende anche la parte più turistica della Riviera Albanese che da Vlora (Valona) si allunga fino a Saranda e Ksamil al confine con la Grecia. I siti protetti dall'UNESCO di Berat, Gjirokaster (Argirocastro) e Butrint e i canyon nella zona di Tepelena e Përmet (la città delle rose) rendono questa regione la più attiva dell’Albania dal punto di vista turistico ed una delle più interessanti dell’intera penisola balcanica. La musica perde il costante la minore delle çiftelìe settentrionali di ottomana memoria per aprirsi a tonalità molto più simili al sirtaki. Quasi tutti qui sanno l’italiano o il greco grazie al segnale radiotelevisivo che arriva dalle coste di Corfù o da Punta Palascia sulla costa di Otranto. A largo di Vlora, infatti, il margine si stringe e l’Albania e la Puglia distano solo 72 km, mentre Corfù sarebbe raggiungibile a nuoto coi suoi 2,30 km di distanza. Su questo tratto di costa si trova anche Borsh, villaggio d’origine degli arbëreshe fondatori nel XV secolo di San Marzano di San Giuseppe in provincia di Taranto dove sarebbe poi nato un famoso liquore dall’inequivocabile nome di Elisir San Marzano della famiglia (guarda un po’) Borsci.

Continua a leggere...


IL FUTURO DEL PAESE DELLE AQUILE: I PRODOTTI DOP ED IGP

2° Puntata: Le tradizioni culinarie e le produzioni dell’Albania settentrionale

di Antonio Caso

I distretti settentrionali dell'Albania sono rinomati per il loro patrimonio naturale e culturale. Questa è l’area più a sud del continente europeo in cui è possibile trovare dei ghiacciai. Qui si trovano anche i maestosi monumenti naturali del lago di Shkodra (Scutari) e del Valbona National Park, tra le risorse più importanti di questa regione, senza dimenticare l’incontaminata regione del Kelmend patria dell’omonimo popolo di pastori nomadi.
Shkodra è considerata, a ragione, la capitale culturale dell’Albania. Antica capitale degli Illiri, qui sono stati costruiti anche la prima Opera ed il primo osservatorio astronomico del paese; emporio attivissimo della Serenissima Repubblica di Venezia, fu anche sede del primo studio fotografico dell’Albania, creato nel 1865 dall’italiano Pietro Marubi, sospettato di essere tra i mazziniani che avevano ucciso il Duca di Parma e rifugiatosi sull’altra sponda dell’Adriatico.

Continua a leggere...


IL FUTURO DEL PAESE DELLE AQUILE: I PRODOTTI DOP ED IGP

1° Puntata: Le tradizioni culinarie in Albania e le produzioni delle pianure centrali 

di Antonio Caso

Al momento della sua indipendenza il motto dell’Albania era “la religione degli Albanesi è l’Albanesimo” e il popolo albanese sembrava ad immagine e somiglianza della sua terra, diverso ed unito: le montagne a nord verso il confine con il Kosovo sono abitate prevalentemente da cattolici, le vaste pianure centrali perlopiù da musulmani, mentre le località costiere a sud, da ortodossi; ed i frutti di questa terra, patria di uno dei primissimi insediamenti agricoli della storia europea ([1]https://web.archive.org/web/20150910103042/http://www.uc.edu/news/NR.aspx?id=15552), sono altrettanto vari e diversificati.

Continua a leggere...

UM NOVO OLHAR PARA A PRODUÇÃO AGRÍCOLA

de Valéria Sandra de Oliveira Costa e Alineaurea Florentino Silva

Pubblicato il 7 maggio 2018

A agricultura moderna enfrenta desafios como a produção de bens com qualidade; redução do uso de produtos fitossanitários; menor agressão ao meio ambiente sob os moldes de uma sustentabilidade econômica, social e ambiental, que tem como estratégia a agricultura sustentável, segurança alimentar e biodiversidade. Nesse sentido, a chave para o equilíbrio entre pragas, doenças e seu controle é a biodiversidade, responsável pelo equilíbrio e estabilidade dos ecossistemas. Com o intuito de combater a Revolução Verde, modelo de produção sustentada pelo Pacote Tecnológico, objetivando maior produtividade com menor impacto negativo ao ambiente, surgiramnovos sistemas de produção agrícolas que buscam uma agricultura sustentável.

Continua a ler...


Campi Aperti per tutti!

di Beatrice Ruggieri

Pubblicato il 1 aprile 2018

Sempre più spesso sentiamo parlare di un graduale ritorno alla terra, di tanti giovani che decidono di invertire la rotta riportando alla luce tecniche e conoscenze agricole ormai desuete, con l’intento di produrre cibo locale e genuino. Ciò che si contesta, è evidente, è lo status quo. Poche ma potenti aziende agricole multinazionali, caratterizzate dall’utilizzo di sistemi invasivi per l’ambiente e il territorio, intensivi e specializzate in poche ma altamente diffuse monocolture. Campi Aperti, Associazione di contadini per la sovranità alimentare, è uno straordinario esempio di lotta, di resistenza e di cambiamento. Dopo aver preso contatti, siamo andati a trovare Germana e Carlo dell’azienda Cà Battistini di Savigno (BO), i quali ci hanno parlato con grande entusiasmo di una realtà esistente ormai già da quindici anni e di cui sono molto fieri di far parte.

Continua a leggere...